fbpx
s

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

  • No products in the cart.

Roberto Tarenzi & Francesco Lento.

//Roberto Tarenzi & Francesco Lento

Details

Date: 17 July 2021
Duration: 1 Day
Category:
Type: open
Entrants: €8
  • Francesco Lento
    Diplomatosi in Tromba al conservatorio di Sassari comincia a suonare nell Orchestra Jazz Della Sardegna sotto la direzione di Giovanni Agostino Frassetto, e anche tramite questa formazione comincia ad avere contatti con diversi musicisti di tutto il mondo (Bob Destiny, Bruno Tommaso, Phil Collins, Bob Mintzer, Ken Cervenka etc). In questo periodo abbandona gli studi sinfonici, che pure gli avevano fruttato un posto pagato nell Orchestra del Teatro Lirico, e si butta anima e corpo nel Jazz. Studia febbrilmente di giorno e la notte suona nei locali con le formazioni più disparate, comincia a studiare e trascrivere centinaia e centinaia di soli, è attratto dalla struttura e dalla magica amalgama sonora del Be Bop e dell’ Hard Bop. Frequenta Cervencka, Bosso, Boltro, ma sopratutto si lancia in una ricerca personale frenetica per allargare il suo panorama musicale ed apprendere appieno le strutture.

Nel 2009 approda a Roma, capitale indiscussa del Jazz italiano, e sopratutto terra fertile di contaminazioni e ibridazioni. Qui comincia a suonare in varie formazioni (con Paolo Damiani, Roberto Gatto, Gege Munari, Max Jonata Marco Ferri), senza perdere il ritmo nello studio individuale sullo strumento e nella trascrizione.
    Da qui il suo studio lo porta a New York, e poi ancora in giro per il mondo, suonando dalla Grecia a Londra (dove calca il palcoscenico del prestigioso Ronny Scott) fino agli Emirati Arabi. Recentemente Francesco è stato citato da Paolo Fresu come uno dei migliori talenti del Jazz italiano odierno.
  • Roberto Tarenzi

    “…Roberto is in my estimation one of the most talented pianists

    I have encountered over the past years. He is disciplined, knowledgeable about the jazz legacy, has great ears and most of all, a burning desire to be a great musician…”

    – Dave Liebman

    “…Roberto exhibits an amazing assuredness of swing and technique juxtaposing a contemporary linear approach with respect for the roots. His touch on the piano and great spirit, along with his angular compositional approach makes this a worthwhile and enjoyable listen…”

    –Phil Markowitz

    “Roberto has all the qualities I look for in a musician: command of the instrument, a depth of musical knowledge and a willingness to interact  with his fellow musicians. At the heart of it all is a great feeling for what he is playing. His intuition is guided by knowledge which makes for the best possible result”.

    –Joe LaBarbera